La Coltrina di Venezia ( dettaglio )
dipinto su stoffa
cm 141,5 x 245,5 anno 2016
La Coltrina di Venezia ( dettaglio )
dipinto su stoffa
cm 141,5 x 245,5 anno 2016
La Coltrina di Venezia ( dettaglio )
dipinto su stoffa
cm 141,5 x 245,5 anno 2016
La Coltrina di Venezia ( dettaglio )
dipinto su stoffa
cm 141,5 x 245,5 anno 2016
La Coltrina di Venezia ( dettaglio )
dipinto su stoffa
cm 141,5 x 245,5 anno 2016
La Coltrina di Venezia ( dettaglio )
dipinto su stoffa
cm 141,5 x 245,5 anno 2016
La Coltrina di Venezia ( dettaglio )
dipinto su stoffa
cm 141,5 x 245,5 anno 2016
La Coltrina di Venezia ( dettaglio )
dipinto su stoffa
cm 141,5 x 245,5 anno 2016

La Coltrina di Venezia per la Regata Storica è stata realizzata per la prima volta in occasione della Regata Storica del 4 settembre 2016. Dall'originale in stoffa saranno realizzate copie a stampa su carta a titolo di premiazione per i 12 primi qualificati nelle varie categorie ( giovanissimi, donne, caorline, gondolini ).

Pezza di stoffa dipinta a mano dimensioni cm 139,5 x 228,50. È composta da stoffa in viscosa con numero sei frange di dimensioni cm 15 ( larghezza ) x 10,5 ( altezza ) e sei asole di sostegno nella parte alta di dimensioni cm 15 ( larghezza ) x 6,5 ( altezza ). L'opera è circondata per tutto il perimetro da un cordone in tessuto multicolore del diametro di cm 1.

Descrizione
il dipinto intende solcare le tradizioni culturali e i simbolismi della Serenissima Repubblica di Venezia, storia di questo territorio e causa dell'esistenza della città lagunare e del suo ineguagliato contributo nello sviluppo sociale politico ed economico della comunità umana. Paragonabile solamente alla civiltà dell'antica grecia od a quella cinese. Sostituita, dalla fine del settecento, dalla civiltà anglosassone che oggi è l'unica legittima erede dello splendore veneziano. Non stupisce, infatti, il nesso culturale che mantiene tutt'oggi simbolicamente legate Venezia e New York.

La Coltrina del Maestro Mario Eremita si caratterizza per una marcata simmetria frontale e per la posa ieratica di Venezia in omaggio agli avi bizantini. Dall'alto possiamo apprezzare la data 1489, anno in cui la Regina Cornaro di Cipro abdicò e fece ritorno a Venezia ricevendo un'accoglienza trionfale a bordo del Bucintoro, sfilò lungo il Canal Grande e ottenne il rango di Signora di Asolo rimanendole anche il titolo di Regina. Quella del 06 giugno 1489 fu una giornata memorabile e ad essa l'artista ha voluto dedicare questa Coltrina.

L'insieme rappresenta il Trono su cui siede Venezia; esso è realizzato nella bianca pietra d'istria con cui gran parte di Venezia è costruita. Ecco quindi il Leone Alato che occupa la parte alta del Trono. Esso è qui rappresentato non in fattezze antropomorfe ma nella reale costituzione morfologica di un leone africano, simbolo dell'Evangelista Marco. Si noti il ventre asciutto le zampe snelle ed atte alla corsa, l'ampia criniera. Il Leone è albino in omaggio alla pietra d'istria che fu il materiale privilegiato per la manifattura di questo importante simbolo, ed anche per delineare la particolarità e la rarità della sua progenie che si distingue. Entrambe le zampe anteriori del Leone poggiano sul libro che riporta la celebre frase latina: "pax tibi Marce Evangelista meus." La pace sia con te o Marco, mio Evangelista. Tale posa intende rappresentare l'interezza del territorio veneziano, sia di terra che di mare e rafforzare il primario intento della Repubblica Serenissima che voleva il prevalere della diplomazia e dello scambio sull'uso della forza. Il Leone si staglia sullo sfondo blu stellato, omaggio alla rappresentazione collocata sulla Torre dell'Orologio.

Avanti e sotto il Leone ecco Venezia che siede regalmente. Indossa la corona che la rende Regina dell'Adriatico; indossa mantelli che richiamano i colori dell'aurora e del tramonto caratteristici della Laguna; quindi il colore rosso della bandiera con le sue tipiche decorazioni. La posa di Venezia è ieratica e decisa, impostata a significare la propria grandezza, potenza e grazia regale; ella apre le braccia esponendo al mondo il suo gioiello: l'accesso alla città dalla Piazzetta delle Colonne di San Marco e San Todaro, il Palazzo Ducale la Biblioteca Marciana e la Basilica. Nella mano destra regge lo scettro con i rami d'ulivo, simbolo del potere nella pace e, nella sinistra l'uroboro che simbolegga la circolarità del tempo. Il grembo verde-azzurro è del colore che simboleggia l'acqua della laguna e sulla veste di Venezia, più in basso, fluttuano le barche della Regata Storica, le Bissone, la Serenissima, i Gondolini, le Mascarete, i Pupparini, le Caorline. Più sotto il nizioleto con la dicitura "Venezia Regata Storica" e la firma dell'artista Mario Eremita. La cornice di foglie d'edera a simboleggiare la fedeltà e l'amore e la cornice di rami d'ulivo per la pace, inquadrano la composizione.

Il dipinto è di primario intento simbolico ed in particolare, interpreta la quieta e sicura potenza della Serenissima, rievocandone la gloria del suo massimo splendore originario che fu dal XIII secolo in poi.

In questo senso l'artista ha voluto riferirsi alla pittura bizantina ed a quella rinascimentale. Bizantina nelle pose ieratiche nella compostezza statuaria nelle simmetrie e nella sequenzialità espositiva, rinascimentale nel trattamento del colore, nello sfondamento prospettico ( la Piazzetta di San Marco ) e nell'uso di diversi piani; qui ve ne sono ben sette:
lo sfondo blu notte, il trono, il leone, venezia, le vesti, san marco, le barche pressocché sovrapposti, quasi livellati ma distintamente ben separati ed indipendenti seppur tenacemente armonizzati dal sublime uso del colore, dello sfumato, delle mezze tinte.

La sensazione che prova lo spettatore è di possanza; il desiderio di appartenenza a questa felice simbologia conquista e coinvolge. Particolare il dinamismo delle ali del leone, insieme alla vaporosa criniera, danno l'impressione che il felino sia in volo. L'acconciatura di Venezia si fa poi bandiera svolgendosi verso il basso come un fiume nascosto che sfoci nella laguna aperta; nascosto dalle aurore e dai tramonti veneziani interpretati dalle voluminose maniche drappeggiate. Il volto è lineare fine e delicato ma fermo e deciso, ci osserva con fierezza ed olimpica calma. Dal grembo verde-azzurro emerge l'architettura pallida e onirica mentre sotto, le barche colorate, muovono alla volta del Canal Grande per svolgere la Regata fluttuando sulla veste che si fa acqua. Lo sfondo blu notte riquadra appena gli angoli in alto rimarcando il contrasto tra buio e luce, quest'ultima incarnata dalla venezianità intera.

L'opera è inconfondibilmente dell'artista Mario Eremita di cui originali e tipici sono gli stilemi: le forme degli arti, lo sfumato, la pittura di luce, le volumetrie ed i delicatissimi riferimenti simbolici presenti non solo nelle forme ma anche nel colore. La modalità di lettura dell'opera è dall'alto al basso.


La Coltrina di Venezia - Regata Storica